skip to content »

raumtelecom.ru

Diavolo webcam

Diavolo webcam-20

Il portone venne scolpito nel 1675 da una fabbrica di Parigi su ordine di Giovanni Battista Trucchi di Levaldigi, conte e generale delle Finanze di Carlo Emanuele II.

Il Diavolo, scocciato da questa invocazione, lo punì imprigionandolo dietro il portone che il malcapitato non riuscirà mai più ad aprire.- aperto tutti i giorni settembre - aperto tutti i giorni tranne il mercoledì La sera il locale rimane aperto solo su prenotazione Per informazioni e prenotazioni, il numero del rifugio è 0346.21580, ma siamo sempre reperibili anche al numero di cellulare 389.0130980. di altitudine) è un ristorante tipico situato sul monte omonimo sovrastante l'altopiano di Clusone.Prende il suo nome da San Lucio protettore dei mandriani, che in segno di devozione costruirono una cappella, trasformata in una chiesa nel Seicento e ampliata nel 1800, dove si conservano numerosi ex voto, tra cui la stupenda pala di Domenico Carpinoni.Oltre a questa, esistono anche delle altre leggende legate alla storia del portone.Una risale all’inizio dell’Ottocento, durante l’occupazione francese.Il 30 giugno 1944, durante la seconda guerra mondiale, le truppe tedesche in ritirata fecero saltare l’arcata centrale del ponte, che in seguito, venne ricostruita nella forma originaria.

Nella zona sottostante è stata ricavati un'oasi naturalistica.

A queste ultime è legata una leggenda locale: si narra che San Pellegrino delle Alpi, tentato dal Diavolo, dopo aver perso la pazienza, gli sferrò un tremendo schiaffo, facendogli attraversare l'intera valle, fino a farlo sbattere contro le Alpi Apuane.

Queste vennero oltrepassate e bucate dal corpo del Diavolo, lasciando come traccia il Monte Forato (1234 m s.l.m.), un arco naturale di pietra lungo 150 m ed alto 120 m visibile, per l'appunto, da San Pellegrino in Alpe.

Il Santuario è infatti spaccato a metà tra le due province di Modena e Lucca.

Il paese è sorto nel Medioevo intorno all'omonimo Santuario di San Pellegrino, attualmente visitabile ed in ottimo stato di conservazione.

(uno dei passi alla maggiore altitudine della Toscana) e dalla Toscana attraverso la provinciale che sale dalla Garfagnana.